LA NOSTRA CITTA'

Gubbio fu fondata dagli Umbri, un popolo di stirpe Italica. Il suo nome in lingua Umbria era IKUVIUM.
Essa fu un importante centro religioso e politico di quel popolo, come mostrano le famose "TAVOLE EUGUBINE".
In seguito la città strinse alleanza con Roma e divenne IGUVIUM che si trasformò nel Medioevo in EUGUBIUM. Nel 917 fu completamente distrutta dagli Ungari e dagli Avari. Dopo il 1000 fu ricostruita sul luogo attuale, mentre la sua collocazione precedente era situata più in basso, intorno al Teatro Romano. Divenne poi libero Comune. Dopo il 1100 giunse a grande floridezza e potenza, come ci mostrano i magnifici palazzi di quell'epoca.
S. Ubaldo (Vescovo Ubaldo Baldassini 1130-1160) alla sua morte fu proclamato patrono della città, grazie all'impegno con cui unì l'amore religioso e quello per la sua città.
Dal 1384 al 1508 Gubbio venne inglobata nella Signoria dei Montefeltro; nel 1624 la città passò allo Stato pontificio fino al 1860, quando fu unita al Regno d'Italia.
Ancora oggi si svolgono molte manifestazioni che hanno radici nella nostra storia, e che sono sentite fortemente da tutta la cittadinanza (processione del Venerdì Santo, Festa dei Ceri - www.festadeiceri.it-, Palio della Balestra).


Un po' di numeri...

Il Comune di Gubbio, settimo d'Italia per estensione, è formato da Capoluogo e 53 frazioni. Il territorio è per lo più collinare. I rilievi a ridosso della città sono il monte Foce, il monte Ingino e il monte Ansciano. L'altopiano eugubino è solcato dai torrenti Saonda ed Assino; il Chiascio, nascendo a Villa Magna, ne tocca la parte sud orientale e determina il confino con altri comuni. Gubbio, attualmente, ha circa 32,800 abitanti. Le attività principali sono: servizi privati e pubblica amministrazione, commercio, agricoltura, industria.
Molto sviluppato è il settore artigianato, in particolare la ceramica e il ferro battuto.

 

Altra risorsa principale della città è il turismo, in continuo sviluppo. Se vogliamo entrare nel particolare, nella città esistono varie occasioni per il tempo libero di noi ragazzi: molti impianti sportivi, la Biblioteca Comunale, l'Informagiovani, il Centro Giovani, la Ludoteca, i giardini pubblici e i parchi fra cui possiamo ricordare il parco del Teatro Romano, il parco della Vittorina e il parco di Coppo, dove si possono trovare giochi adatti a noi.

Notizie dal CCR
I focaroni di San Giuseppe 2019 Secondo Concorso Grafico
Olimpiadi dei ragazzi Tornano i giochi olimpici del CCRR
Matite in corso Corso gratuito sui segreti dell'arte del fumetto